Trekking

..Consigli trekking..

1. Viel dal Pan Canazei-Belvedere-Rif. Fredarola-Rif.Viel dal Pan-Passo Fedaia Il sentiero che corre lungo tutta la montagna, collegando il Passo Fedaia con il Passo Pordoi, veniva usato dai commercianti di farina del bellunese al fine di attraversare le valli più rapidamente, senza dover percorrere strade di fondo valle. La farina, usata per fare il pane, rappresentava un ottimo prodotto di scambio e veniva barattata nelle valli ladine con, ad esempio, oggetti di artigianato. È proprio dalla funzione che aveva originariamente questo vialetto che il percorso e l'omonimo rifugio prendono il nome di "Viel dal Pan".
2. Sass Pordoi - Piz Boè - Val Lasties Canazei-Passo Pordoi-Sass Pordoi-Piz Boè-Val Lasties-Pian Schiavaneis-Canazei Passo Pordoi (2.240 m) si trova sopra Canazei in Val di Fassa, da qui parte la funivia che ci porta a quota 2.947 m, sul Sass Pordoi, una delle cime più esposte del Gruppo del Sella. Da qui, il percorso scende fino alla forcella del Pordoi, dove parte il percorso n. 627 in direzione Rifugio Boé (coincide in parte con l'altavia delle Dolomiti AV 2). Attraversando un paesaggio lunare ci avviciniamo al Rifugio Boé, che si trova in cima alla famosa Val di Mesdi. Poco prima del rifugio, un bivio indica il Piz Boé a destra, seguiamo il sentiero n. 638. Da qui in poi, il percorso è tutto in salita. C'è anche un passaggio difficile lungo una piccola parete rocciosa, ma fattibile per quasi chiunque se attrezzato. Dopo quasi due ore di cammino, raggiungiamo finalmente la vetta. Sul Piz Boé troviamo, oltre ad un'antenna di trasmissione ed alla croce della cima, la piccola Capanna di Fassa, un rifugio in legno installato sui pochi pochi m² disponibili. Ma la vera attrazione del Boè è la fantastica vista sul gruppo del Sella e sulle Dolomiti circostanti. Fanes, Marmolata, Sassolungo, Odle...' per nominare solo quelle più vicine. Per la nostra escursione abbiamo scelto la strada più facile. Esiste però anche una più breve e diretta (ma più ripida ed esposta), seguendo da Forcella Pordoi il segnavia "Capanna Fassa / Piz Boé". Da qui si ritorna in valle scendendo la Val Lasties
3. Passeggiata in Val Duron Campitello di Fassa-Val Duron-Campitello di Fassa La Val Duron è probabilmente la più bella delle valli laterali della Val di Fassa e uno dei meravigliosi spettacoli delle Dolomiti Trentine. Si trova interamente nel comune di Campitello di Fassa. Una valle di altitudine medio alta, che spiana e si apre al cospetto di due delle creste più belle che il vostro sguardo possa sperare di incontrare mai: quella del Sassopiatto, una splendida cima che attira appassionati di trekking più allenati, e il gruppo del Catinaccio, (in tedesco Rosengarten, ovvero Giardino delle Rose).
4. Giro del Sassolungo e Sasso Piatto Canazei-Passo Sella-Giro di Sassolungo e Sassopiatto-Passo Sella-Canazei L'escursione può essere affrontata in senso orario o antiorario. Due i punti di partenza: Col Rodella ed il Rifugio Passo Sella. Da Campitello si sale in funivia al Col Rodella (parcheggio nei pressi della stazione a valle dell'impianto di risalita). Da qui si può scendere verso il Rifugio Salei/Rifugio Passo Sella oppure verso il Rifugio Friedrich August, dove inizia il famoso sentiero panoramico Friedrich August Weg. Dal Rifugio Passo Sella (nei mesi estivi parcheggi a pagamento) si può proseguire verso la Città dei Sassi/Rifugio Comici oppure salire in direzione del Rifugio Salei e del Col Rodella. Si rientra a Campitello (in funivia dal Col Rodella) oppure al Rifugio Passo Sella. Descrizione: per la sua caratteristica forma a "panettone", il Col Rodella è un rilievo montuoso visibile da ogni paese della Val di Fassa. Una volta scalati (in funivia) i circa 1.000 metri di dislivello che lo separano da Campitello di Fassa, la vista lascia senza parole: davanti il Gruppo del Sassolungo, un concentrato di guglie, spalti rocciosi, campanili perfettamente verticali che emergono improvvisamente dai pascoli sottostanti. All'estremità sinistra, in direzione dell'Alpe di Siusi, il Gruppo si chiude con la piramide triangolare del Sassopiatto, la scarpata marginale di questa antica barriera corallina. 5. Contrin e Val San Nicolò Alba di Canazei-Rif.Locia Contrin-Rif. Contrin-Passo San Nicolò-Val San Nicolò-Pozza di Fassa Nel primo tratto la Val di Contrin presenta una tipica conformazione glaciale: dalle cosiddette Lastè de Contrin, declivi erbosi che d'estate fungono da pascoli d'alta quota, la pendenza va lentamente a diminuire, fino a rasentare il piano per qualche kilometri, a circa 1700 metri d'altezza. Dopo la località di Locia Contrin le cose cambiano bruscamente: la vicinanza delle due catene montuose, il Colac a sinistra e la Marmolada a destra, fanno sì che i versanti della valle si trasformino velocemente da "U" a"V"; in un kilometro sono percorsi quasi duecento metri di dislivello fino all'immissione del Ruf de Contrin con il Torrente Avisio. La Val di Contrin è solcata da una strada circondariale sterrata che collega Penia al rifugio Contrin. Dalla Val San Nicolò, passando per il passo San Nicolò (2338 m), sentiero 608, si giunge poi a Pozza di Fassa.
6. Gardeccia Vigo di Fassa o Pera di Fassa-Ciampedie-Gardeccia Con la funivia da Vigo (o a piedi da Vigo/Pera di Fassa) si raggiunge in pochi minuti il Ciampedìe (1.998 m), pianoro in mezzo al bosco con una superba vista sulle Dolomiti di Fassa. Dalla funivia ci si porta al vicino rifugio Ciampedìe per scendere una breve rampa e risalire poi verso il rifugio Negritella. Qui parte il sentiero, ampio e pianeggiante che, attraversata la pista da sci, entra nel bosco in prevalenza a pino cembro. Lungo il percorso sulla destra cambiano continuamente aspetto con il dispiegarsi delle mille fratture le frastagliate pareti del Larséch, mentre da ovest si avvicina l’imponente parete est del Catinaccio. Si esce dal bosco presso alcune baite ed in pochi minuti si giunge ai rifugi della conca di Gardeccia (1.948 m).
7. Val Udai e Val di Dona Mazzin-Val Udai-Val di Dona-Mazzin Dal centro di Mazzin si risale Strèda dò Ruf che immette sulla strada forestale Val Udai, segnavia n. 580, che con decisa pendenza si addentra nella valle lungo il corso del rio omonimo. Si passa un ponte portandosi sulla destra orografica. Si affronta un ripido acciottolato cementato che costringe a procedere con lentezza e fatica, si incontra il sentiero n. 579 proveniente da Ronch e poco dopo si esce sul piano per attraversare un greto di un torrente. Poco oltre si attraversa il ruf de Udai, si entra nel bosco con percorso accidentato. Si sale avvicinandosi al poderoso bastione del Zocol dal quale precipitano le spettacolari cascate del Pis e di Spina da Lèch e si sfiora la parete rocciosa. Il sentiero si fa meno impervio. Ben disegnati tornanti aiutano a prendere quota più facilmente. Infine, si va sul piano ad attraversare nuovamente il rio entrando nel Pian de Udai, una bella conca rigogliosa di fiori su cui spiccano macchie blu intenso di aconitum napellus, assieme a varie specie di ombrellifere. Si riprende a salire, stretti fra sbrecciate rocce vulcaniche sulla sinistra e scoscesi canaloni che a destra scendono dalla cresta del Dò Ciuril, sul sentiero che più volte interseca il corso del ruscello. Ci si alza infine sul suo corso e con lunga diagonale scolpita nel ripido pendio erboso si esce nella parete superiore della Val di Dona. Si rientra discendendo a destra la Val di Dona (sentiero n. 577) fino a Fontanazzo.